QUOTA 100: REQUISITI E DECORRENZE

Approvato dal Consiglio dei ministri il decreto collegato alla legge di stabilità, che contiene le ultime novità sulle pensioni e su quota 100. Vediamo cosa prevede:

Pensioni quota 100: come funziona

Quota 100 verrà avviata in via sperimentale tra il 2019 e il 2021.

Pensioni quota 100: a chi spetta

Le pensioni quota 100 spettano agli iscritti alle seguenti gestioni previdenziali obbligatorie gestite dall’Inps:

Per andare in pensione anticipata con quota 100 è necessario avere:

Se si è iscritti a più gestioni previdenziali e non si riceve la pensione da una di queste, il requisito di anzianità contributiva richiesto per quota 100 può essere raggiunto anche attraverso il cumulo gratuito, sommando cioè i contributi maturati nelle varie gestioni.

Pensioni quota 100: le decorrenze

Le decorrenze delle pensioni quota 100 cambia se il lavoratore ha maturato i requisiti prima o dopo il 31 dicembre 2018 e in base al settore privato o pubblico:

–          entro il 31 dicembre 2018, 1° aprile per i privati e 1° agosto per i pubblici;

–          dopo il 31 dicembre 2018, dopo 3 mesi o 6 mesi dalla maturazione dei requisiti.  

Le pensioni quota 100 non sono cumulabili con redditi da lavoro dipendente o autonomo, dal primo giorno di decorrenza e fino al raggiungimento dell’età richiesta per la pensione di vecchiaia. Sono invece cumulabili con i redditi da lavoro autonomo occasionale, per un massimo di 5.000 € lordi annui.

Pensione anticipata

Sul requisito contributivo previsto per la pensione anticipata non saranno applicati gli adeguamenti alla speranza di vita dal 1° gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2026 e viene introdotta una decorrenza mobile di 3 mesi.

Opzione donna

Viene ripristinata la pensione anticipata con l’opzione donna (calcolata con il sistema contributivo).

Pensioni precoci

Al requisito contributivo ridotto (41 anni di contributi) richiesto a coloro che accedono alle pensioni precoci non viene più applicato l’incremento relativo all’adeguamento alla speranza di vita precedentemente fissato dal 2019 e dal 2021. L’accesso alle pensioni precoci potrà avvenire soltanto dopo 3 mesi dalla data di raggiungimento dei requisiti.

Ape sociale

L’ape sociale è stato prorogato per il 2019. I lavoratori potranno ottenerlo con stessi requisiti e condizioni già previsti.

Prescrizione dei contributi per i dipendenti pubblici

Viene posticipata al 31 dicembre 2021 la prescrizione quinquennale dei contributi dei dipendenti del pubblico impiego.

Riscatto dei vuoti contributivi

In via sperimentale per il triennio 2019 – 2021, gli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive e alla gestione separata Inps dal 1° gennaio 1996 (per i quali la pensione verrà calcolata esclusivamente con il sistema contributivo), che non sono già titolari di pensione, possono riscattare periodi privi di contribuzione, a condizioni agevolate.

 

Ok

We have published a new Cookie Policy to explain the different types of cookies that may be used on this site and their respective benefits. If you would like to disable cookies, please view "How do we manage cookies" in the Privacy&Policy. Note that parts of the site may not function correctly if you disable all cookies.
By using the site, you consent to the use of cookies unless you have disabled them. Read More.