SOLLECITI CAMPAGNA RED/EST 2016

Come ogni anno l’Inps invita i titolari di pensione italiana residenti all’estero a comunicare i propri redditi  per verificare se si ha diritto alle prestazioni legate al reddito.  L’ordinamento pensionistico italiano infatti, prevede la concessione sia di prestazioni a carattere assistenziale sia di benefici economici sui trattamenti pensionistici (l’integrazione al minimo, la maggiorazione sociale, la quattordicesima mensilità e i trattamenti di famiglia), il cui riconoscimento è subordinato all’importo dei redditi del titolare di pensione italiana e del coniuge poiché componente del nucleo familiare.

Nelle scorse settimane l’istituto italiano ha provveduto ad inviare lettere di sollecito a coloro che non hanno ancora regolarizzato la propria dichiarazione reddituale relativa all’anno 2016. Il modulo deve essere compilato e trasmesso all’Inps entro il 28 febbraio 2018, termine ultimo di scadenza.  Si  invitano pertanto, gli interessati a rivolgersi  presso i nostri uffici che vi aiuteranno gratuitamente  a presentare la dichiarazione in via telematica nei termini richiesti.

La mancata trasmissione comporterebbe la sospensione di qualsiasi pagamento relativo a tali prestazioni e deve essere inviato anche se i pensionati non hanno altri redditi oltre le pensioni italiane. Se si ricevono altre pensioni da enti previdenziali/assistenziali esteri si deve indicare lo Stato e l’ente pagatore o Istituzione competente e l’importo complessivo che ha riscosso per l’anno richiesto (in questo caso 2015).

Il patronato Inas Cisl inoltre, ricorda che l’accertamento reddituale verrà effettuato dall’Inps ogni anno, così come avviene per i pensionati residenti in Italia.

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.